Feeds:
Articoli
Commenti

 

 

 

 

 

Visto il grande interesse mostrato per il listino prezzi delle Terme di Cretone relativo all’anno 2011 ho contattato la struttura per avere informazioni al riguardo e mi è stato assicurato che quest’anno i prezzi resteranno invariati ad eccezione dell’ingresso pomeridiano che è stato aumentato di 50 cent. passando da 7,50 a 8 euro…

Spero di esservi stata utile… al prossimo post!!!

 

Annunci

Da un’ampia falda idrominerale, che si estende per 6 chilometri sulla riva destra del fiume Garigliano, sgorgano numerose sorgenti e di consistente portata. Le strutture termali di maggiore rilievo sono le Terme di Nuova Suio e le Terme di Sant’Egidio.

Le Terme di Suio

Le Terme di Suio, a pochi chilometri da Latina, nel comune di Castelforte, sono adagiate in un’ansa del Garigliano, all’estremità Sud-Ovest del Lazio presso il confine con la Campania, ai piedi dei Monti Aurunci. Le proprietà delle acque termali di Suio erano già conosciute dai romani, che le chiamavano aquae vescinae e che vi costruirono impianti termali, come si può vedere dai resti della cosiddetta “vasca di Nerone”, un calidarium e parte di un mosaico. Duramente colpita durante l’ultima guerra, la zona ha ritrovato solo alla fine degli anni Cinquanta la sua vocazione di centro termale, con la costruzione di numerosi stabilimenti che sfruttano le tante polle d’acqua che sgorgano dal sottosuolo.
Le Terme di Suio si caratterizzano per le acque calde solfureo-solfatobicarbonato-alcalino-terrose e carboniche che sgorgano dalle sorgenti con temperature che vanno dai 39°C ai 63°C. Il polo termale del territorio nella Provincia di Latina si avvale dell’imponente bacino idro-minerale di Suio, al quale fanno riferimento numerosi stabilimenti ed alberghi termali che fiancheggiano la sponda destra del Garigliano: le Terme Nuova Suio, le Terme S. Egidio, le Terme Vescine, le Piscine termali Arcobaleno, le Terme Santamaria, le Terme Tomassi, le Terme Ciorra e le Terme Alba.

…….

Le Terme di Sant’Egidio

 La struttura termale è situata all’interno di un vasto parco che si affaccia su uno dei tratti più suggestivi del fiume Garigliano. Il parco termale è formato da piscine termali per adulti e per bambini. Le piscine sono alimentate dall’acqua che proviene da 2 pozzi artesiani, che sgorga ad una temperatura di 37°/39° e che si rinnova continuamente. Accanto alle piscine ,il getto di spettacolari cascate  sotto le quali ci si può abbandonare a rilassanti idromassaggi naturali. L’acqua termale ed il fango che essa produce consentono cure termali terapeutiche e estetiche.


Per ulteriori informazioni sulla struttura termale visitare il sito delle Terme di Sant’Egidio

…….

 

Le Terme di Nuova Suio

La struttura alberghiera si trova a Suio Terme, in provincia di Latina, al confine con la regione Campania. Il fiume Garigliano che scorre a pochi metri dall’albergo delimita il confine con la provincia di Caserta. L’Hotel è immerso completamente nel verde della campagna, tra le dolci colline e la natura incontaminata. Si trova direttamente sulla sorgente d’acqua solfurea. Ed è proprio l’acqua l’elemento che rende unica la zona termale di Suio.


Lo stabilimento termale, uno dei pochi in italia costruiti all’interno dell’albergo, è alimentato da acqua solfurea che sgorga a 60°. Accanto all’edificio dell’albergo e del centro termale, ben inserito in maniera armoniosa nella natura, si trova, oltre alle piscine termali ed al campo da tennis/calcetto, un ampio immobile con negozi di souvenir, parrucchiera, noleggio biciclette, sala giochi e sala da ballo, bar, sala cinematografica o sala conferenze. Sebbene poco conosciuta, la località offre spunti piacevoli per conoscere il territorio, le tradizioni e soprattutto i benefici salutari ed estetici delle acque solfuree.

Per ulteriori informazioni sulla struttura termale visitare il sito delle Terme di Nuova Suio

…….

Alla scoperta della provincia di Latina

La provincia di Latina offre al turismo una vasta gamma di scelta: si parte dalle celebri mete balneari di Sabaudia, del Circeo, di Sperlonga, di Gaeta e di Terracina, già conosciute e apprezzate ai tempi dei Romani. Oggi, queste coste sono assalite da turisti provenienti da tutta Italia.

Ma oltre alle spiagge, ci sono i gioielli naturalistici del Parco Nazionale del Circeo e dei Monti Lepini che offrono un patrimonio storico e architettonico notevole, con numerosi borghi medievali, dall’aspetto tranquillo e sereno, oltre alle Abbazie di Valvisciolo e Fossanova, ricche di storia e di cultura, ma anche il sacro Monastero di Montecassino. Tra i borghi più caratteristici troviamo Campodimele e Sperlonga. Da non perdere lo splendido giardino di Ninfa. Non ultime le “carissime meraviglie” delle isole ponziane.


Per ulteriori informazioni sulle mete e gli itinerari del territorio pontino visitate il sito della Provincia di Latina.

Nel sito “I Borghi più belli d’Italia” troverete una pagina dedicata a Sperlonga, un sogno omerico tra l’azzurro del cielo e del mare…

 Se siete interessati cliccate qui  per scoprire tante curiosità legate a questo borgo…

Nel sito “I Borghi più belli d’Italia” troverete una pagina dedicata a Campodimele, un villaggio risparmiato dal tempo…

 Se siete interessati cliccate qui  per scoprire tante curiosità legate a questo borgo…

Viterbo and its hot springs

The particular shape and variety of the land makes it ideal for hiking and all outdoors activities among the beech trees that populate the higher areas and oak and chestnut trees that characterize the lower altitudes.
The lakes of Bolsena, with the beautiful islands of Martana and Bisentina, and Vico are ideal for relaxing holidays or to practice water sports, sailing and canoeing, as well as horse riding. Lake Vico, which lies within a nature reserve, is equipped to offer hiking, mountain biking and horseb riding along paths that cross a nature of great charm.


One of the main attractions of the area are the spas, known since antiquity. Frequented by the Etruscans, the baths of Viterbo were expanded by the Romans, so that the remains of their structures occupy an area 11 kilometres long. In medieval times they became a favourite destination of many popes for the treatment of various conditions thanks to the properties of mud and water.

The three best known are the springs of Aquae Passeris, Paliano and Bullicame, quoted by Dante in the Divine Comedy and also portrayed in a famous painting by Michelangelo. Today the famous Terme dei Papi offer a pleasant stay for cures and relaxation.

Una sorgente di benessere e mistero

 

La Provincia di Viterbo vanta un ricco bacino termale, dove è possibile trovare sia le cosidette zone libere per godere i piaceri delle terme a stretto contatto con la natura, sia importanti strutture termali che offrono ogni sorta di comodità. Tra gli stabilimenti termali più rinomati vi sono le Terme dei Papi e il Grand Hotel Terme Salus, mentre per quanto riguarda le aree termali libere troviamo le Piscine Carletti, le Terme di Bagnaccio e le Terme Bulicame. A metà strada ci sono le Terme delle Masse di San Sisto.

Le Terme dei Papi

Dagli etruschi ai romani, da Dante a Michelangelo, sono in tanti ad aver scoperto ed apprezzato le risorse termali di Viterbo. Ma, tra tutti, molteplici Papi tra cui uno, Niccolò V, fu visitatore talmente assiduo da aver determinato la fama dell’area ove sgorgano le acque dalle proprietà benefiche oggi conosciuta come “Terme dei Papi”.

I primi a sfruttare le proprietà delle acque termali di Viterbo furono gli etruschi, in seguito anche i romani ne compresero l’importanza e valorizzarono le strutture presenti ampliandole. I resti sono tuttora visibili lungo l’antica Via Cassia, per ben 11 chilometri. Le tre sorgenti che furono maggiormente sfruttate sono le Aquae Passeris, la Paliano e la Bullicame. Il nome con il quale è conosciuto oggi il centro termale deriva dall’assidua frequentazione da parte dei pontefici, che ne hanno favorito lo sviluppo promuovendo importanti lavori di ristrutturazione e ammodernamento. Anche prestigiosi artisti come Michelangelo e Dante Alighieri frequentarono e apprezzarono queste sorgenti.

Attualmente le Terme dei Papi sono tra le strutture più attrezzate del Lazio e offrono cure tradizionali della medicina termale, ma anche molte terapie, comprese quelle dermatologiche ed estetiche, fino ad arrivare a quelle dolci e rilassanti della tradizione orientale. La struttura è dotata di albergo e ristorante, il suo fiore all’occhiello è una piscina monumentale di oltre 2000mq alimentata dalla sorgente del Bullicame ed utilizzabile anche nei mesi invernali. Famosa anche la grotta terapeutica caldo-umida, dove l’acqua cade sotto forma di cascatelle, creando così un luogo perfetto per il relax prima di una doccia rinfrescante.

Le acque viterbesi emergono da una frattura della crosta terrestre lunga 12 km, sono acque ipertermali con una temperatura che varia dai 40° ai 50°. La sorgente più importante è la Bullicame, le cui caratteristiche la rendono particolarmente efficace per il trattamento di molte affezioni croniche. Anche i fanghi sono molto utilizzati ed apprezzati in quanto si presentano già in forma matura sul fondo del laghetto vulcanico di Bagnaccio e vengono utilizzati per la fangoterapia e vari trattamenti estetici.

Per maggiori informazioni sulla struttura alberghiera e sui servizi erogati visitate il sito delle Terme dei Papi

…….

Grand Hotel Terme Salus

Il Grand Hotel Terme Salus sorge nell’area mineraria del Bulicame, l’antica sorgente citata da Dante nel XVI Canto dell’Inferno; tutta la zona e ricca di sorgenti e fanghi naturali le cui proprietà terapeutiche sono ben note in ambito pneumologico, reumatologico, ginecologico, dermatologico,otorinolaringoiatrico, flebologico, fisiatrico.
E’ qui che sgorga l’antica sorgente di San Valentino, acqua sulfurea e ipertermale, conosciuta e utilizzata a scopo terapeutico e che occupa in posto di primo piano grazie alla presenza dello zolfo che le conferisce proprietà antinfiammatorie, antisettiche, mucolotiche.


L’acqua dell’antica sorgente San Valentino è inoltre bicarbonato alcalino- terrosa ricca di minerali e oligoelementi, caratteristiche che ne arricchiscono le doti curative.
Le acque termali agiscono sull’apparato locomotore per la regolazione del tono muscolare,hanno proprietà antinfiammatorie ed analgesiche,hanno un effetto rilassante sul sistema nervoso. Se inalate agiscono sulle vie respiratorie con effetto mucolitico e antinfiammatorio. Sulla cute hanno un delicato effetto idratante,rendendo la cute levigata e luminosa.

Il complesso è strutturato come un grande albergo di lusso, adatto anche ad ospitare grandi congressi, ma soprattutto è fornito di piscine termali e ludiche, spazi fitness ed un centro terapeutico con programmi che privilegiano il relax e la “remise en forme”.

Per maggiori informazioni sulla struttura alberghiera e sui servizi erogati visitate il sito del Grand Hotel Terme Salus

…….

Le Aree Termali libere di Viterbo

L’area termale di Viterbo è una delle più generose d’Italia sotto il profilo dell’estensione e della portata d’acqua. Le sorgenti sono quasi tutte ipertermali, presentano cioè una temperatura dell’acqua al momento dell’uscita compresa da 35 a 60 °C circa, con acqua praticamente cristallina. La provincia di Viterbo dispone di molte piscine naturali, perfette per gli amanti del contatto diretto con la natura e per coloro che non pretendono servizi di alcun genere. Inoltre si ha la possibilità di fare il bagno di notte sotto le stelle, anche in inverno, si tratta di un esperienza molto bella e particolare.

Tra le più note troviamo le Piscine Carletti, le Terme di Bagnaccio e le Terme Bulicame. Si può accedere a queste aree gratuitamente ed in qualsiasi momento per tutto l’anno, anche se periodicamente vengono chiuse al pubblico per un breve lasso di tempo necessario per interventi di pulizia. Queste aree dispongono di grandi parcheggi non custoditi e sono facilmente raggiungibili sia con i mezzi privati che pubblici, sono dotate inoltre di zone in cui è possibile ottenere un riparo al fresco sotto gli alberi. D’altro canto però, essendo aree libere, non vi è alcun tipo di servizio né illuminazione notturna, vi consiglio dunque di munirvi di tutto quello che può servirvi prima di partire!!

Per ulteriori informazioni visitate il sito delle Terme di Viterbo

…….

Le Terme delle Masse di San Sisto

Le Terme di San Sisto (anche dette Masse o Pozze di San Sisto) sono una località molto frequentata dagli amanti delle sorgenti termali libere. Si trovano a circa 8 Km da Viterbo, alle falde dei Monti Cimini, in direzione Vetralla, sulla Via Cassia.
Oltre alle famosissime Terme dei Papi, esistono infatti altre sorgenti ipertermali vicino Viterbo, da cui scaturiscono, grazie alla residuale attività vulcanica della zona, acque termali di tipo sulfureo ad alta temperatura. Queste sorgenti intorno a Viterbo erano conosciute fin dai tempi degli etruschi e dei romani che, già all’epoca avevano costruito ben 14 stabilimenti termali sulla Via Cassia. Le più famose erano le Terme di Paliano, oggi chiamate Pozze di San Sisto.

A differenza delle altre aree termali libere, queste Terme sono gestite a prezzo minimale da un’associazione che organizza e tiene pulito il luogo e le pozze.
La località si presenta con alcune vasche (pozze) di acqua termale a diversa temperatura, dove è possibile fare il bagno in ogni stagione. Vi sono i servizi igienici, un piccolo ristoro, alcuni piccoli spogliatoi, docce, un prato dove è però vietato accendere fuochi e fare campeggio. Poco lontano dalle Masse di San Sisto è presente un ampio parcheggio per le auto.
Per frequentare la zona basta diventare soci ed acquistare la tessera, versando una esigua quota annuale direttamente in loco. Per associarsi è inoltre obbligatorio sottoscrivere un regolamento che, in poche parole, esige il rispetto delle comuni regole igieniche e comportamentali.

Non ci sono altre restrizioni all’ingresso ed è possibile frequentare la località tutto l’anno, quante volte e per tutto il tempo che si desidera. Tra l’altro è possibile entrare anche di notte, per un benefico bagno sulfureo al chiar di luna. In definitiva rappresentano una validità alternativa per chi vuole beneficiare delle sorgenti termali in modo economico, ma senza rinunciare a poche piccole comodità.

Per ulteriori informazioni visitate il sito delle Terme di Viterbo

…….

Alla scoperta della provincia di Viterbo

Viterbo e le sue terme si trovano nella regione della Tuscia, tra il Mar Tirreno, la Toscana e l’Umbria. Anticamente abitata dagli etruschi, la Tuscia conserva ancora molteplici testimonianze della loro civiltà così come quelle della epoca romana augustea. Imperdibile, per gli amanti del turismo archeologico, una visita alla città di Tarquinia con una vasta necropoli ove si possono ammirare, tra l’altro, delle pitture tombali e un museo di vestigia etrusche tra i più importanti d’Italia. Altre città da vedere sono Ferento, che conserva uno splendido teatro romano, Vulci, Tuscania, Vitorchiano e la medievale Civita di Bagnoregio, la “città che muore”, cui si accede solo a piedi per mezzo di un ponte stretto e lungo e che sovrasta una grande vallata sottostante con un panorama molto suggestivo.

La stessa Viterbo offre numerosi motivi di interesse culturale, in gran parte legati ai fasti papali come il quartiere di San Pellegrino, nel pieno centro della città, sede di molte botteghe d’arte ed edifici come il celebre Palazzo dei Papi o la Cattedrale con il campanile gotico e la facciata rinascimentale.


Gli amanti del turismo naturalistico potranno inoltrarsi piacevolmente nei boschi dei Colli Cimini, ove è possibile anche passeggiare a cavallo e ammirare scenari come quello offerto dal Lago di Vico, di origine vulcanica o il Lago di Bolsena che offre la possibilità di raggiungere in barca le isole Martana e Bisentina.
Non lontano da Viterbo altre mete turistiche come Bagnaia, con la rinascimentale Villa Lente, Caprarola con il Palazzo Farnese e Bomarzo, con il celebre “Parco dei Mostri”.

Per ulteriori informazioni visitate il sito della Provincia di Viterbo